Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘sensazioni’ Category

Eccomi di nuovo qui. Non ho scritto molto in questa ultima settimana perchè mi sono goduta gli ultimi giorni di compagnia dei  mie figli.

Il cucciolo era ritornato a casa per qualche giorno ed ora è ripartito. Questa volta è stato difficile vederlo andare via…devo ammettere che è stata più dura della volta scorsa. Alla stazione mi sono salite le lacrime agli occhi vedendolo salire sul treno però…però ho tenuto duro e l’ho lasciato partire sereno.

Il giorno del suo ritorno a casa, disfando la valigia, ho trovato in mezzo alle magliette da lavare, un foglio con  scritte le sue impressioni sulla sua nuova esperienza; ad un certo punto del foglio ho letto questa frase : “…mi manca la mia famiglia, ora che sono veramente lontano da loro mi rendo conto che mi mancano davvero molto : la mia sorellina, la mia mamma, il mio papà e la mia nonna…tutti,io li amo davvero tantissimo…” ecco…queste parole di mio figlio non mi hanno stupita perchè lui è una persona dolcissima e dalla grande sensibilità però mi sono davvero commossa molto a leggerle e, conoscendolo, so che quel foglio è stato lasciato lì di proposito, apposta per essere letto.

Sovente abbiamo comunicato scrivendoci, anche dei semplici sms…sovente alla sera, dalla sua camera, mi ha mandato un messaggino con su scritto “tvb”.

Ora   partirà per l’università  anche “la sorellina” che mi è stata davvero di grande conforto e di grande aiuto, soprattutto nei giorni non proprio facili che abbiamo passato a Parigi, perchè ormai è davvero una piccola donna, forte e determinata.

Sarà molto bello ritrovarsi, tra qualche settimana, tutti insieme!

Annunci

Read Full Post »

Oggi è una giornata tranquilla, gli esami di maturità del cucciolo stanno proseguendo bene, senza troppi stress…il lavoro procede senza intoppi e io mi sono incantata a guardare il paesaggio fuori dalla finestra.

Il cielo è limpidissimo, come solo il cielo di montagna sa essere, e le montagne si stagliano all’orizzonte in tutta la loro maestosità, dalle loro pendici scendono copiosi torrenti d’acqua che danno una grande sensazione di freschezza.

La pioggia delle scorse settimane ha contribuito a rendere la vegetazione di un verde brillante incredibile e si può percepire nell’aria l’odore del fieno appena tagliato.

Sono qui, guardo queste cose bellissime e mi rendo conto di amare questa terra, queste montagne e mi sento privilegiata di poter ammirare questa natura meravigliosa!

Ho solo un attimo di malinconia…ma tu papà continui a vedere queste cose?

…mi passa subito : certo che tu continui a vederle !

Ti voglio bene.

Read Full Post »

Eccomi di ritorno dopo un breve fine settimana al mare.

Devo dire che passare qualche giorno lontano da casa mi ha fatto bene. Il paesino della Costa Azzurra dove passiamo le vacanze da oltre 10 anni è sempre molto accogliente e le giornate passano dolcemente in tutta tranquillità.

Ho fatto lunghe passeggiate in riva al mare e nel verde della Provenza che, in questo periodo, è un’esplosione incredibile di colori e profumi.

E’ incredibile…passeggiando nell’enorme parco vicino a casa io potrei, a occhi chiusi, capire dove mi trovo semplicemente sentendo i profumi del caprifoglio , della lavanda, del timo selvatico…ogni profumo corrisponde ad un luogo ben preciso, un luogo che ho bene impresso nella memoria. E’ una bella sensazione, è la sensazione di trovarsi a casa…anche lì…anche lontano dalle mie adorate montagne.

 

Read Full Post »

Durante la solita passeggiata il mio adorato schnauzerone Ralph ha fatto la sua solita tappa…lui è solito fermarsi vicino ad una staccionata e, dopo esserci salito sopra con le zampe anteriori, si gode il paesaggio sottostante.

Oggi, scrutando l’orizzonte, mi sono persa nelle mie considerazioni.

Guardando le montagne che si stagliavano nel cielo terso e azzurro dopo la pioggia, mi sono trovata a pensare che amo moltissimo la mia regione, la amo con i suoi pregi e i suoi difetti. Abitare in una regione di montagna è molto affascinante ma i problemi esistono : in inverno occorre fare i conti con la neve e con il freddo, per spostarsi bisogna percorrere strade spesso irte e piene di curve, non ci sono troppi centri commerciali in cui fare spese però…però non potrei vivere in un altro luogo. Penso che l’amore per la mia Valle mi sia stato trasmesso dal mio papà che, trasferitosi con la famiglia da piccolo, qui aveva trovato tutto: l’istruzione, il lavoro, l’amore; lui era molto grato a questa terra e si era ambientato  e  inserito socialmente .

Papà, quando ero bambina, mi raccontava spesso delle lotte fatte dai nostri antenati per difendere l’autonomia della nostra Valle, per mantenere intatte quelle tradizioni culturali e linguistiche che, ancora oggi,  raccontano la storia di una popolazione.

Durante le mie riflessioni ho pensato che tutto questo è senso di appartenenza, mi sento di appartenere a questa terra, a queste montagne che, ovunque io guardi, si stagliano nel cielo. Qualcuno dice che queste montagne danno un senso di oppressione, di soffocamento, a me no, a me danno un grande senso di protezione e di sicurezza.

Grazie papà, grazie per avermi insegnato ad amare la terra in cui sono nata e spero che tu possa continuare a godere di questi splendidi orizzonti.

Read Full Post »

Oggi è una giornata particolare, non c’è nulla che non porti ad essere di buon umore : c’è un bellissimo sole primaverile, l’aria è tiepida, in città c’è grande allegria e fermento per la fiera di S.Orso che inizia domani eppure…

Eppure è bastata una frase a farmi venire una grande malinconia.

Questa mattina mi sono recata in un ufficio per alcune pratiche e, presentando il documento, l’impiegata allo sportello mi dice :” che bello il suo nome, è delicato e dolce al suono, chi l’ha scelto, suo papà o sua mamma?” e io orgogliosa :” mio papà!”allora l’impiegata dice :” suo papà doveva essere una persona molto sensibile e dolce per scegliere un nome così!”

Già…il mio papà! I mmediatamente sono risalita in macchina e le lacrime hanno iniziato a scendere copiose sul mio viso; era tanto tempo che non piangevo per la mancanza di mio papà, sono passati 12 anni dalla sua morte e il suo ricordo ora è sereno, legato al grande amore che provavo per lui. Oggi invece ho avvertito un grande vuoto dentro, una grande necessità di sentirlo vicino, di saperlo felice. Chissà come sarebbe orgoglioso dei suoi 2 nipoti: mia figlia che si è laureata da poco e mio figlio che lui adorava  e che ormai è un uomo…chissà come godrebbe della loro compagnia ora che sono grandi, lui che è stato il loro più grande amico dell’infanzia! Il “nonno pazzo” come lo chiamavano perchè era una spericolato, non esitava a lanciarsi in folli discese con lo slittino in inverno oppure in estenuanti pedalate in bicicletta d’estate!

Oggi, dopo tanto tempo, ho avuto nitida l’immagine del viso di mio papà e il suonodella sua voce, quella voce profonda che spiccava nel coro della parrocchia e quegli occhi azzurri che regalavano serenità.

Mi manca tanto mio papà, avrei ancora tanto bisogno di lui anche se sono grande, sono madre e moglie però…sono anche figlia. Il rapporto con mia mamma è ottimo però l’amore per mio papà era speciale. Durante la sua lunga malattia un giorno mi disse :” io mi fido di te, con te andrei ovunque!” Ecco papà, spero di non averti mai deluso e spero che tu abbia sentito tutto l’amore che ti ho donato.

Queste stelle alpine sono  per te che amavi tanto le tue montagne e che facevi lunghe camminate sulle alte vie.

Read Full Post »

Questa mattina ho ricevuto una telefonata da una mia ex collega, mi chiedeva se potevo passare a trovarla perchè, avendo saputo del mio lavoro nell’ambito delle cure palliative ai malati terminali, voleva parlarmi di un suo problema personale.
Mi sono recata a casa sua e mi sono trovata di fronte una persona che ho riconosciuto solo dal sorriso; il suo corpo era irriconoscibile e trasformato dalla malattia, ho trovato Marisa molto dimagrita, il volto scavato, i capelli caduti per la chemioterapia…Ha iniziato a raccontarmi della sua malattia, delle lunghe cure, degli interventi chirurgici, delle recidive del male e dell’approssimarsi della morte…tutto con grande serenità e dignità, senza scomporsi mai se non per ripetermi, quasi ossessivamente, :” io non devo dare questa sofferenza ai miei cari…loro soffriranno troppo per colpa mia…” Devo dire che dopo 13 anni di lavoro accanto ai malati terminali so fare fronte a questo tipo di situazione, ma oggi mi sono sentita spesso spiazzata da tutta questa sofferenza. Forse perchè con Marisa ho condiviso tanti anni di lavoro in un reparto di maternità dove la nascita e la vita erano una costante delle nostre giornate e raramente si pensava alla morte…Non ho saputo darle molte risposte, forse lei non se le aspettava, ho potuto solo abbracciarla forte, tenerle la mano e sussurrarle che non sarà sola quando si avvicinirà per lei il momento del distacco.
E’ stato un incontro che mi ha lasciato dentro una grande tristezza ma la volontà di rivedere ancora Marisa nei prossimi giorni.

Read Full Post »

Eccomi di ritorno a casa dopo 5 giorni molto intensi passati a Parigi con mio figlio.
Sono stata a Parigi diverse volte ma mai nel periodo delle festività natalizie, difficilmente dimenticherò le luci, i colori, i profumi di questi giorni…
Nelle pause di tempo abbiamo fatto i turisti e mi è piaciuto molto passare del tempo con mio figlio, lui ed io da soli, non era mai capitato; devo dire che l’ho scoperto molto più maturo e consapevole anche se non ha perso l’allegria e la vivacità dei suoi 19 anni! Siamo stati bene. Abbiamo visitato l’università che ha scelto di frequentare il prossimo anno e ci siamo informati su tutte le procedure burocratiche per l’iscrizione. In questi 5 giorni ho visto Fabrizio emozionarsi molte volte negli atri immensi dell’università e altrettante volte io ho ricacciato indietro le lacrime che mi salivano negli occhi…non è facile pensare che tra qualche mese inizierà questa avventura in questa grande città però è giusto che abbia l’opportunità di provare!
Sono entrata più volte nella Cattedrale di Notre Dame dove ho avuto un pensiero per le persone a me care, in particolare per una mia amica che sta passando un periodo difficile a causa di problemi familiari…spero che al più presto si risolva tutto e lei possa ritrovare serenità e calma e possa proseguire nei suoi progetti.
Il ritorno a casa è stato bello, mio marito e mia figlia ci aspettavano con ansia, anche il mio schnauzerone è stato felice di rivedermi e naturalmente l’ha manifestato a modo suo…abbracciandomi con le sue pattone morbide e…bagnate!

Read Full Post »

Older Posts »